IN BUONE ACQUE: LA CONFERMA CHE A TRIESTE POSSIAMO BERE L’ACQUA DEL RUBINETTO

In buone acque 2018 è il report sulla qualità delle acque potabili nel territorio di Trieste.

Dal 2008, ogni anno il  gruppo Hera si occupa delle analisi dei numerosi parametri fisico-chimici e microbiologici che definiscono la qualità dell’acqua potabile garantendo il rispetto dei limiti di legge.

Il report è disponibile qui e offre una panoramica chiara ed esaustiva sulle analisi condotte nel corso del 2017.

Quindi, possiamo davvero fidarci dell’acqua di rubinetto?

Screen Shot 2019-02-17 at 6.47.12 PM

I risultati delle analisi confermano che a Trieste, bere l’acqua di rubinetto in casa o al ristorante non è una scelta azzardata per la nostra salute! Scegliere di evitare l’acqua in bottiglia può avere un impatto positivo non solo sulle nostre finanze, ma anche sull’ambiente, senza alcun rischio per la nostra salute.

Ecco qui i 5 buoni motivi per passare all’acqua di rubinetto:

Un’acqua buona: l’acqua di rubinetto a Trieste è classificabile come oligominerale (adatta all’uso quotidiano e con una una buona azione diuretica) a basso tenore di sodio, di bassa durezza (contenuto di Sali di Calcio e Magnesio) e microbiologicamente pura. Nel report 2018 sono stati pubblicati i risultati di oltre 2.800 analisi al giorno ed il 99,9%  sono ampiamente entro i limiti di legge e confrontabili con le acque minerali. I risultati sono disponibili nel report, assieme ad una chiara spiegazione sui limiti di legge per le concentrazioni dei minerali.

Inoltre, dovremmo sfatare il mito dei calcoli renali, in quanto la più recente letteratura medico-scientifica prova che a queste concentrazioni, i Sali di Calcio non costituisco un rischio per la salute. Al contrario, l’acqua di rubinetto può rivelarsi una fonte utile di Calcio, in quanto la forma solubile è facilmente assorbibile dall’organismo (dottoressa Emilia Guberti, Direttrice del Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione dell’Azienda USL di Bologna.)

KM 0: l’acqua di rubinetto è disponibile direttamente a casa, senza dover usare e trasportare bottiglie e contenitori.

Una scelta ecologica: in Italia ogni anno vengono utilizzate tra i 7,2 e gli 8,4 miliardi di bottiglie di plastica di cui solo il 38% viene riciclato. Con 182 litri pro-capite l’Italia è il terzo paese al mondo per consumo d’acqua nel 2017 (dopo Messico e Thailandia), confermando la non-sostenibilità dell’attuale modello di consumo della risorsa idrica del nostro Paese.

Inoltre, le bottiglie di plastica sono uno dei prodotti in plastica monouso rinvenuti più frequentemente sulle spiagge italiane, come emerge dall’indagine Beach Litter condotta da Legambiente dal 2014 al 2017.

Si stima che se bevessimo l’acqua dal rubinetto almeno 460 milioni di bottiglie in plastica potrebbero essere evitate e molte emissioni di gas serra ridotte!

Un’opzione economica: ricordiamoci che il prezzo dell’acqua in bottiglia copre anche i costi di imbottigliamento e distribuzione. Il report stima che 1000 litri d’acqua minerale in bottiglia costano in media 270 euro, mentre la stessa quantità di acqua di rubinetto costa mediamente 2,2 euro.
Siamo proprio sicuri di pagare il prezzo giusto per l’acqua in bottiglia?

Se proprio non vi fidate delle vecchie tubature del condominio, vi ricordiamo che AcegasApsAmga ha installato 3 distributori di acqua potabile da cui si possono prelevare acqua frizzante, liscia o refrigerata e, attraverso un monitor, vedere i parametri chimico-fisici dell’acqua erogata. Trovate la posizione dei distributori qui.

Non ci sono davvero motivi per continuare a comprare acqua in bottiglie di plastica.
Beviamo l’acqua dei nostri rubinetti o usiamo i distributori: facciamolo per l’ambiente e per il nostro portafogli!

FAI-DA-TE: DEODORANTE, DENTIFRICIO E SAPONE

A Trieste e dintorni è semplice acquistare detersivi e detergenti alla spina (clicca qui per vedere dove), evitando così gli imballaggi, mentre alcuni prodotti come il dentifricio ed il deodorante sono impossibili da trovare sfusi o per lo meno non imballati nella plastica… ma non temete: potete realizzare quasi ogni prodotto per la cura della casa e della persona con le vostre mani, in modo semplice, col vantaggio di sapere esattamente cosa ci mettete dentro e, in molti casi, risparmiando!

Vogliamo condividere con voi alcune ricette per produrre dentifricio, deodorante e sapone, in quanto crediamo che l’auto-produzione sia l’opzione migliore per la nostra salute, per l’ambiente e per il portafogli.

Queste ricette sono davvero semplici! Richiedono poco tempo e tutti gli ingredienti sono facilmente reperibili… perché non provarle?

DEODORANTE

20171227_112039.jpg

Per questo deodorante bastano 4 ingredienti e pochi minuti. Il risultato sarà una crema deodorante al profumo di… quello che preferite voi!

Ingredienti:

  • 2 cucchiai di olio di cocco
  • 2 cucchiai di bicarbonato di sodio
  • 1 cucchiaio di sale
  • Qualche goccia di olio essenziale (i nostri preferiti sono quello alla lavanda e quello alla menta)

Procedimento:

Sciogliere l’olio di cocco in un vasetto, aggiungere tutti gli ingredienti e mescolare. Una volta che la crema sarà diventata più solida, mescolare di nuovo assicurandosi che il bicarbonato ed il sale non restino sul fondo del vasetto, essendo gli ingredienti più pesanti.

DENTIFRICIO AL CACAO

20180615_162715.jpgUn dentifricio fatto in casa, buono e pure approvato dal dentista?! Avete letto bene!

Ecco alcuni motivi per provare a fare questo semplice dentifricio:

– La teobromina, una molecola naturale contenuta nel cacao, aiuta a remineralizzare i denti, oltre a darci un delizioso gusto di cacao!
– Il bicarbonato di sodio aumenta il pH del dentifricio ed aiuta a neutralizzare gli acidi nella bocca, prevenendo le carie.
– L’olio essenziale alla menta aiuta a combattere l’alito cattivo.⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀⠀

Ingredienti:

  • 2 cucchiai di olio di cocco
  • 1 cucchiaio di cacao in polvere non zuccherato
  • 1 cucchiaio di bicarbonato di sodio
  • Alcune gocce di olio essenziale alla menta (se vi piace)
  • Se volete un gusto più dolce potete aggiungere della stevia in polvere o in gocce.

Procedimento:

Sciogliere l’olio di cocco, aggiungere tutti gli ingredienti in un vasetto di vetro e mescolare bene. Una volta che la crema sarà diventata più solida, mescolare di nuovo assicurandosi che il bicarbonato non resti sul fondo del vasetto, essendo l’ingrediente più pesante.

SAPONE ALL’OLIO DI OLIVA AL PROFUMO DI LAVANDA

Questa ricetta è alla portata di chiunque abbia voglia di provare a fare il sapone in casa… e il risultato sarà davvero soddisfacente: una saponetta elegante, profumata e decorata con dei fiori di lavanda! Assicuratevi di leggere bene le precauzioni prima di iniziare.

WhatsApp Image 2018-12-01 at 22.12.49

Ingredienti:

  • 20 g olio essenziale di lavanda
  • 900 g olio evo
  • 115 g soda caustica
  • 300 ml infuso
  • fiori essiccati di lavanda qb

Precauzioni:

– Quando si lavora con la soda caustica è importante utilizzare protezioni adeguate: maniche lunghe, guanti e occhiali protettivi sono essenziali ed è consigliato anche l’uso di una mascherina per naso e bocca.
– Gli utensili che entrano in contatto con la soda caustica devono essere utilizzati solamente per la saponificazione, in quanto anche se lavati con cura rimane il rischio di intossicazione.
– Quando si mischiano soda caustica e acqua è fondamentale versare la soda caustica (lentamente) nell’acqua e mai viceversa, in quanto causerebbe una reazione a vulcano. È inoltre importante farlo in un ambiente areato per evitare di inalare i fumi che si creeranno.
– Per mescolare la soda caustica e l’infuso/l’acqua, e poi per fare il sapone, non si può utilizzare l’alluminio in quanto reagisce con la soda caustica. Bisognerebbe utilizzare acciaio, metallo laminato, plastica industriale o vetro pyrex. Sarebbe meglio evitare anche il legno in quanto è un materiale assorbente.

Procedimento:

– Preparare un infuso ai fiori di lavanda versando dell’acqua bollente su una manciata di fiori essiccati in un contenitore termoresistente. Lasciar raffreddare l’infuso che sarà pronto solo una volta giunto a temperatura ambiente.
– Pesare la soda caustica con una bilancia di precisione e versarla lentamente nell’infuso (a temperatura ambiente) preparato precedentemente. Fare attenzione perché questi due ingredienti fanno reazione raggiungendo temperature molto elevate quindi utilizzare guanti e mascherina durante questo procedimento!
– Attendere che la temperatura della soluzione di soda caustica scenda fino a circa 50° (se utilizzate un termometro da cucina, assicuratevi di non utilizzarlo più per cucinare. In alternativa potete utilizzare un termometro ad infrarossi).
– A questo punto, pesare l’olio e scaldarlo a fuoco basso in una pentola fino a raggiungere circa i 50°.
– Una volta che sono entrambi alla stessa temperatura, versare la soluzione di infuso e soda nella pentola che contiene l’olio, mescolando (volendo aiutandosi con un frullatore a immersione, usandolo in modo “pulsato”) finché si raggiunge il cosidetto “nastro”: un composto denso ottenuto grazie alla saponificazione.
– A questo punto è possibile aggiungere l’olio essenziale di lavanda e amalgamarlo continuando a mescolare.
– Versare la miscela nello stampo e coprire bene il contenuto. Dopo due ore, aggiungere sul lato scoperto i fiori essiccati di lavanda.
– Trascorse 24 ore, controllare se il sapone è sufficientemente solido da poter essere tagliato. Se è ancora troppo morbido, attendere altre 24 o 48 ore.
– Una volta tagliato, lasciarlo riposare un mese (come minimo) in modo che si  completi la saponificazione e l’evaporazione dell’acqua. I saponi al 100% olio d’oliva sono tendenzialmente più morbidi e richiedono un periodo di riposo più lungo, perciò anche se saranno sicuri da usare già dopo 1 mese, è consigliato lasciarli riposare più a lungo, idealmente 6-12 mesi. I saponi col tempo migliorano: diventano più duri, e quindi più duraturi, e più delicati!

Grazie a Bianca di Zero Waste Path per i preziosi consigli!

IL RIFIUTOLOGO: LA DIFFERENZIATA SI FA CON UN’APP

Leggere e comprendere le etichette degli imballaggi è una sfida che potrebbe intimidire anche i consumatori più consapevoli.

PE, PET, PVC, PS, PP, CA, AL… Riconoscere le sigle e separare correttamente i materiali che compongono gli oggetti da buttare può sembrare un compito davvero difficile, ma ora riciclare è diventato più semplice grazie alla creazione del Rifiutologo, un’utilissima app che guida i cittadini verso una raccolta differenziata impeccabile!

Prima di vedere in dettaglio come funziona l’app, vogliamo ricordare che il riciclaggio dovrebbe esser visto come l’ultima spiaggia in quanto è un processo che richiede un’elevata quantità di energia. Prima di riciclare possiamo ad esempio rifiutare, cioè decidere di non comprare più alcuni prodotti non compatibili con uno stile di vita più ecologico, e ridurre, cioè acquistare sempre meno prodotti con un ciclo di vita breve (imballaggi, usa e getta, oggetti di bassa qualità).

Screen Shot 2018-11-12 at 6.12.44 PM

Il Rifiutologo è un’applicazione gratuita, disponibile per tutti i sistemi operativi, che offre informazioni dettagliate sul sistema di differenziazione dei rifiuti.

DOVE LO BUTTO?
La funzione Cerca un rifiuto ci permette di scoprire dove gettare un rifiuto, dai cotton fioc, ai tessuti, agli elettrodomestici!

whatsapp-image-2018-11-12-at-17-04-46.jpeg

Ci sono quattro metodi di ricerca:

  1. Inserire il nome dell’oggetto nella funzione “cerca”
  2. Selezionare la categoria a cui appartiene l’oggetto stesso
  3. Inserire la sigla del materiale indicata sulla confezione
  4. Scattare una fotografia del codice a barre

RIFIUTI ABBANDONATI
L’applicazione ha una sezione dedicata alle segnalazioni di rifiuti abbandonati: basta inviare di una fotografia dal proprio cellulare e la segnalazione verrà mandata direttamente ai Servizi Ambientali AcegasApsAmg.

CENTRI DI RACCOLTA
Sono inoltre segnati su una mappa tutti i centri di raccolta dove il cittadino può conferire gratuitamente quei rifiuti urbani che per tipologia, dimensioni o peso non possono essere raccolti con il servizio ordinario.
Ogni stazione ecologica è segnalata con gli orari di apertura e la descrizione dei materiali ed oggetti che si possono consegnare.

PORTA A PORTA
Infine, per tutti i comuni in cui è in vigore la raccolta porta a porta, l’app segnala gli orari ed altre informazioni utili.

Tutorial su come usare l’app

Sito ufficiale del Rifiutologo

 

Prodotti alimentari senza imballaggio: meno plastica nel carrello!

Evitare prodotti confezionati al supermercato può essere una sfida, ma fare una spesa plastic-free (senza plastica) è possibile!

In questo articolo troverete alcuni semplici passi che vi aiuteranno ad eliminare quasi tutta la plastica e gli imballaggi che vi portate a casa dopo aver fatto la spesa.

  1. Comprare prodotti sfusi

42754169_2187513868239276_3292398246940377088_n

Basta un po’ di organizzazione pre-spesa ed un’occhiata alla mappa del nostro sito per trovare il negozio perfetto più vicino a casa vostra.

Qui trovate la mappa interattiva di Trieste e, nella categoria alimentari, la lista dei negozi che vendono prodotti senza imballaggi!

Ci sono negozi che vendono legumi, cereali, tè, caffè, latte, zucchero, spezie, caramelle, cioccolato e frutta secca, tutto sfuso; potete andare lì con il vostro contenitore o i vostri sacchetti e tornerete a casa senza nessun imballaggio da buttare!

Per quanto riguarda prodotti freschi come carne, pesce, formaggi, salumi, frutta e verdura, l’ideale sarebbe comprarli con i propri contenitori o sacchetti.

42843245_282277422608362_1901280549041864704_n-e1538491914688.jpg

Avete già provato a chiedere al vostro macellaio di fiducia se potete usare il vostro Tupperware? Noi si!

 

distributore-e1538493629116.jpg

  1. Anche l’acqua si può acquistare senza plastica!

Ci sono molteplici distributori di acqua in giro per la città dove potete acquistare acqua microfiltrata, sia naturale che frizzante, e usare le vostre bottiglie (o qualsiasi contenitore a voi comodo).

Nella sezione distributori dell’acqua nel nostro sito e sulla mappa potete vedere dove si trovano.

P.S. l’acqua del rubinetto a Trieste è oligominerale, microbiologicamente pura e a media-bassa durezza!

 

  1. Sacchetti riutilizzabili sempre con sé

Per acquistare prodotti senza imballaggi, portate sempre con voi delle borse riutilizzabili.
42874287_252616842106642_1460881190989856768_n

Potete usare sacchetti in stoffa come quelli nella foto, o riusare all’infinito i sacchetti di plastica che avete in giro per casa!

Se non avete dei sacchetti riutilizzabili in stoffa, potete acquistarli (a Trieste per ora li abbiamo visti da Oasi Naturale in via Boccaccio) o farli voi stessi a casa seguendo questo semplice tutorial su youtube: https://www.youtube.com/watch?v=YZeNR50v8ok

E per non dover mai più comprare la borse di plastica per portare a casa tutta la spesa, portate con voi una o più borse grandi riutilizzabili!

 

  1. Conserviamo i prodotti senza la plastica

Gli imballaggi servono per mantenere la freschezza dell’alimento più a lungo in quanto evitano che il prodotto confezionato entri in contatto con microorganismi esterni.

Frutta e verdura freschi possono essere riposti nei sacchetti di stoffa nel cassetto degli ortaggi del frigorifero mentre, quando compriamo prodotti sfusi come legumi e cereali secchi, possiamo riporli in vasi di vetro che, oltre ad essere funzionali, danno anche un tocco di stile alla vostra cucina.

42781562_546652602430891_3088177340904112128_n.jpg

I vasi (come quelli della marmellata, della Nutella o della maionese) possono anche essere usati per tenere gli avanzi in frigo al posto di contenitori in plastica e potete portarli con voi al lavoro o a scuola il giorno dopo per la pausa pranzo.

 

5. Occhio all’etichetta!

Nel caso in cui non sia possibile evitare l’imballaggio, ci sono alcuni simboli che potrebbero tornarvi utili nella scelta del prodotto migliore:

FullSizeRender.jpg

a. Non disperdere nell’ambiente: la confezione deve essere gettata nell’indifferenziata.

b. Il punto verde: imballaggio di materiale conforme alle regole della raccolta differenziata, tuttavia non specifica nulla riguardo alla riciclabilità del prodotto.

c. PSV-plastica riciclata: indica che una percentuale del materiale dell’imballaggio è riciclato.

d. e. f. CONAI (Consorzio Nazionale Imballaggi), COMIECO (Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica), CiaAl (Consorzio Imballaggi Alluminio): rappresentano Consorzi nazionali, nati sulla base del Decreto Ronchi del 1997 sulla gestione dei rifiuti che ha segnato il passaggio da un sistema di gestione basato sulla discarica ad un sistema integrato, che si basa sulla prevenzione, sul recupero e sul riciclo dei sei materiali da imballaggio: acciaio, alluminio, carta, legno, plastica e vetro.

g. h. i. DIN CERTCO, AIB-VINCOTTE, OK Compost: certificano la compostabilità del prodotto.

l. OK biodegradabile: indica l’ambiente ideale per il processo di compostaggio del materiale che compone il nostro imballaggio (suolo o sistema acquatico).

m. FSC: indica che la presenza di legno o derivati, come la carta, provengono da foreste gestite secondo rigorosi standard ambientali di sostenibilità.

cropped-logo-anna.jpg

Come avete potuto vedere, tornare a casa con una spesa senza plastica ed imballaggi non è così difficile… quello che serve per ridurre il consumo di prodotti confezionati è semplicemente un po’ di informazione, buona volontà e curiosità!

 

PRODOTTI A KM 0

Andare in supermercato e trovare tutto in un unico posto è sicuramente comodo e pratico, ma quanto ne sappiamo del lungo processo che si trova tra la produzione e la vendita sugli scaffali?

Questo processo si chiama filiera agro-alimentare e può essere corta o lunga, di stagione o fuori stagione.

Una buona parte dei prodotti che solitamente troviamo sugli scaffali dei supermercati hanno origini relativamente distanti dal punto vendita. Questo vuol dire che i prodotti in questione subiscono numerosi passaggi dopo la raccolta: vengono lavati, lavorati, confezionati o surgelati, passano attraverso numerosi intermediari e vengono trasportati per chilometri e chilometri e chilometri… per fare un esempio, pensiamo a quanta strada fa un avocado coltivato in Sud America!

Avocado journet

Il viaggio dell’avocado dal Chile (produzione) alla Danimarca (consumo) attraverso l’Olanda (distributore). Tempo medio trascorso dalla raccolta alla vendita: 2 mesi

Con la vasta offerta di prodotti nei supermercati, si tende anche a consumare prodotti fuori stagione, con non poche conseguenze negative!

Ci sono degli elevati costi ambientali dovuti alla grande richiesta di energia (acqua, temperatura, luce nelle serre): per conservare a lungo questi prodotti e per trasportarli è infatti necessario usare molta energia e risorse limitate.
Questi passaggi vanno a influire sul prezzo finale del prodotto e anche il gusto ne soffre.

Optare per prodotti a km 0, locali e stagionali, offre vari vantaggi.

Pensiamo a quanto più gustosa sia l’uva del giardino della nonna o il matavilz e le uova del vicino… Insomma, i prodotti a km 0, raccolti “a due passi” da casa nostra, sono sani, gustosi e rispettano la stagionalità.

Acquistare prodotti fuori stagione e importati, nella maggior parte dei casi, potrebbe voler dire aggiungere nel nostro piatto anche una serie di elementi artificiali (o semi-naturali) come pesticidi, cere ed ormoni.

I prodotti biologici (ovvero coltivati senza pesticidi o con pesticidi di origine naturale) a km 0 sono genuini e, in caso di vendita diretta, il guadagno è interamente del produttore… comprare a km 0 vuol quindi dire anche supportare i nostri concittadini!

Quanto bello è acquistare direttamente dal produttore e sapere che stiamo supportando le realtà della nostra città, mangiando cibi sani e gustosi?

Zero chilometri, zero rifiuti, zero sprechi.

WhatsApp Image 2018-09-20 at 18.59.10 (1)

Stiamo creando una sezione di prodotti a km 0 nel nostro sito e abbiamo bisogno del vostro aiuto!

Se conoscete produttori o venditori di prodotti locali e coltivati senza l’uso di pesticidi scriveteci a triestesenzasprechi@gmail.com

 

Detersivi e Detergenti alla Spina

Avete mai pensato alla quantità di flaconi di plastica che gettiamo ogni giorno nella spazzatura?

Immaginiamo anche la quantità di petrolio che viene usato per creare la plastica e la quantità di CO2 immessa nell’atmosfera durante la sua fase di produzione e recupero, senza contare la fase di un suo smaltimento in caso non venga differenziata adeguatamente.

Quando compriamo detersivi o detergenti paghiamo anche per la pubblicità del prodotto, per le etichette, i cartoni nei quali sono raccolti i flaconi, per non parlare del loro trasporto (con il conseguente consumo di carburante e inquinamento) e i costi di smaltimento degli imballaggi.

Tutto questo ci fa capire l’elevato prezzo economico ed ambientale di un prodotto così comune come il detersivo.

Una soluzione migliore c’è: acquistare prodotti alla spina!

Nel nostro sito trovate una sezione dedicata interamente all’acquisto di detersivi e detergenti alla spina!

3

Nella mappa e nell’apposita sezione troverete molti negozi dove potete recarvi con i vostri flaconi e chiedere ai negozianti il tipo di detersivo sfuso e la quantità desiderata.

Comprare prodotti sfusi non è solo una scelta di rispetto per l’ambiente, ma anche una scelta migliore per il vostro portafogli: pubblicità e imballaggi hanno, infatti, un costo piuttosto elevato, in particolare quello della plastica che è direttamente legato al prezzo del petrolio dal quale deriva.

10% DI SCONTO SU DETERSIVI E DETERGENTI ALLA SPINA?
Da Eco Bolle in Via Crispi 19, c’è la possibilità di usufruire del 10% di sconto: basta che vi facciate inserire nella loro lista “Trieste Senza Sprechi”.

Lo Spazzolino

Lo sapevate che i classici spazzolini in plastica non sono riciclabili e non sono prodotti da plastica riciclata? Questo significa che ogni pochi mesi il nostro spazzolino finisce dritto all’inceneritore o in discarica.

Ci sono gli spazzolini elettrici o di plastica con testine cambiabili, ma tra elettricità e testine da buttare non sono molto più sostenibili di quelli interamente in plastica.

Per fortuna c’e un’alternativa altamente sostenibile e non tossica… lo spazzolino in bambù!

spazzolino

Il bambù è una super pianta: assorbe CO2 in grandi quantità, non ha bisogno di fertilizzanti o pesticidi, cresce incredibilmente in fretta e ricresce una volta tagliata.

Se acquistate uno spazzolino in bambù, sapete che state usando un materiale non dannoso per voi o per l’ambiente e la cosa migliore è che è un materiale biodegradabile!

Quando le setole del vostro spazzolino in bambù sono usurate ci sono due opzioni: se sono in nylon, potete rimuoverle con una pinza e buttare il manico nell’umido o nel compost, se invece anche le setole sono in un materiale biodegradabile possono essere buttate direttamente insieme al manico!

A Trieste abbiamo trovato gli spazzolini in bambù da Naturalia a Santa Croce e da Ecobolle in via Crispi. Se conosci altri negozi, scrivici un’email!

ABBIAMO UNA NOTIZIA BELLISSIMA

Il negozio Ecobolle offre il 10% di sconto su tutti i loro prodotti! Basta che vi facciate inserire nella loro lista “Trieste Senza Sprechi”.

Sulla nostra mappa potete trovare più informazioni sui negozi sopra citati.

cropped-logo-anna.jpg

 

Benvenuti in Trieste Senza Sprechi

logo anna.jpg

Benvenuti a tutti nel blog di Trieste Senza Sprechi!

Qui troverete consigli utili di varia natura su come ridurre gli sprechi nella vostra quotidianità.
Scegliere uno stile di vita più ecologico, infatti, non è per niente difficile… basta sapere cosa offre la propria città per riuscire a farlo!

Ed è questo il nostro obbiettivo: Trieste Senza Sprechi vuole essere un supporto per tutti voi che volete avere un impatto minore sul nostro pianeta.

Tenete d’occhio questo blog d’ora in poi e seguiteci su Facebook e su Instagram per rimanere aggiornati su tutte le novità!

Stay Green!